closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Nerone e Poppea negli spazi sottili di Bob Wilson

Opera. Alla Scala un allestimento dell'opera di Monteverdi con regia, scene e luci curate dal grande artista statunitense. Dirige Rinaldo Alessandrini

una scena de L'incoronazione di Poppea

una scena de L'incoronazione di Poppea

L’incoronazione di Poppea (1643) è un’opera avvolta da un’aura mitica. Non solo perché, in mezzo ai personaggi storici, ci sono anche alcune divinità della mitologia romana. Ma anche per il suo contenuto: il finissimo librettista Gian Francesco Busenello vi intreccia disinvoltamente turpi vicende di sesso e potere sullo sfondo della Roma imperiale. E soprattutto per la sua musica: a poco più di quarant’anni dalla nascita del nuovo genere teatrale del «recitar cantando», il compositore Claudio Monteverdi, vero iniziatore del genere con L’Orfeo (1607), ha lasciato quest’opera manoscritta in due partiture senza nome, con le linee di canto in larga parte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi