closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Nendo, la duttilità dell’oggetto quotidiano

Design Week. Nello showroom milanese di Jil Sanders la mostra dello studio giapponese

Foto Akihiro Yoshida

Foto Akihiro Yoshida

In occasione della Design Week, Jil Sander ospita negli spazi del suo showroom di via Beltrami a Milano l’esposizione Nendo: Invisible outlines. La mostra sarà firmata dall’omonimo gruppo di lavoro «Nendo» che da quattordici anni, sotto la guida dell’architetto e designer giapponese Oki Sato, si confronta con i temi chiave della progettazione contemporanea, innovandone basi e presupposti. IL NOME DELLO STUDIO stesso, che significa «creta» in giapponese, rimanda alla metodologia duttile e versatile con cui questo team coniuga bellezza, funzionalità e sostenibilità produttiva. «Nendo nasce dalla volontà di progettare in modo più libero e flessibile, trascendendo i generi. – spiega...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi