closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Nello specchio vorace di sé

GEOGRAFIE SENTIMENTALI. Un percorso di letture sul corpo a partire da due libri: «Fame» di Roxane Gay e «La carne» di Emma Glass

«Artificial Tears», un’opera di Evelyn Bencicova

«Artificial Tears», un’opera di Evelyn Bencicova

Interrogarsi sul corpo è operazione complessa che necessità di una risposta altrettanto articolata. Soprattutto quando il corpo non è un’astrazione concettuale che non ci riguarda bensì quando a essere protagonisti di quel corpo che si vuole nominare siamo proprio noi. Bisogna allora prestare attenzione, esercitare i sensi, con indulgenza, raccontare lo scandalo di un corpo che non rientra nei «canoni» che ci si aspetterebbe di incontrare. Due libri recenti e apparentemente molto distanti tra loro restituiscono questo portato. Il corpo si sporge nella scrittura di due autrici giovani, Roxane Gay ed Emma Glass, che dicono invece come non vi sia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.