closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Nel precipizio di un traffico

ITINERARI CRITICI. «Le male vite. Storie di contrabbando e di multinazionali», un libro di Alessandro Leogrande edito da Feltrinelli. Un sistema che si integra senza difficoltà nell’economia lecita, svelando la rapacità del capitalismo neoliberista.

Nella foto Alessandro Leogrande

Nella foto Alessandro Leogrande

Alessandro Leogrande aveva appena venticinque anni quando scrisse un approfondito libro-inchiesta sul contrabbando di sigarette nella sua regione d'appartenenza, la Puglia. Era l'epoca degli scafisti che tutte le notti solcavano l'Adriatico e sfidavano a viso aperto chi cercava di fermarli, e il giovane intellettuale tarantino sentiva l'urgenza di capire e raccontare, utilizzando la tecnica dell'inchiesta sociale, il metodo dell'approfondimento e uno stile che dalla letteratura apprendeva l'accurato utilizzo delle parole. «I libri di Alessandro sono qualcosa in più che delle inchieste, sono buona letteratura», ha scritto di lui Goffredo Fofi nell'introduzione a un suo libro dedicato a Taranto (Dalle macerie....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi