closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Nel Pd giornata di passione. Zingaretti minaccia di lasciare

Il dilemma del leader. Lo sfogo dopo l’ennesima lite sui sottosegretari. «Ma ora serve un chiarimento vero». Verso le primarie in autunno. Bonaccini si scalda

Nicola Zingaretti

Nicola Zingaretti

Una giornata nera, da dimenticare, per Nicola Zingaretti. Di prima mattina la lettura delle interviste dei sindaci Pd Giorgio Gori (Bergamo) e soprattutto di Antonio Decaro (Bari), grondanti critica verso la gestione del Pd. Con parole come «il Pd è ostaggio delle correnti e rischia di sparire», «vocazione minoritaria» e altre carezze all’indirizzo del quartier generale del Nazareno. Poi l’ennesimo estenuante braccio di ferro sulla lista dei sottosegretari - solo 6 superstiti contro i 13 del Conte bis- con Zingaretti fermo nel difendere la prevalenza di donne (5 su 6 alla fine) e tutti gli altri furiosi per essere stati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi