closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Nel contratto gialloverde lacune sul Jobs Act e articolo 18. E Berlusconi attacca il «reddito di cittadinanza»

Lavoro. Lega e Cinque Stelle: "Una legge sul salario minimo orario"

Nella nuova bozza del «contratto di governo» il capitolo sul lavoro è striminzito e reticente. Ne è passato di tempo dai boati elettorali quando Lega e Cinque Stelle dovevano spianare il Jobs Act. Nella mezza paginetta non c’è traccia della riforma della legge Poletti che ha eliminato la causalità dei contratti a termine mettendo le basi per il boom dell’iper-precarietà attuale. Ci si limita a sbandierare la sempre verde lotta contro la precarietà. E il ripristino dell’articolo 18? Non pervenuto. Quanto ai voucher, aboliti da Gentiloni per evitare un referendum Cgil che sarebbe stato devastante per il Pd e il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi