closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Neil Young si vende ma solo «a metà»: accordo con i giganti della Hipgnosis

Musica. La rockstar canadese cede il 50% dei diritti sulle sue canzoni alla società finanziaria di Merck Mercuriadis

Neil Young

Neil Young

L’avvento del digitale e la rivoluzione dello streaming, che ha modificato radicalmente il modo di fruire la musica e di conseguenza l’assetto dell’industria discografica, sta costringendo le star della musica a vendere il frutto della propria creatività prima di vedere il proprio «patrimonio creativo», svalutato dai giganti dello stream. E così dopo Dylan che ha ceduto i diritti del proprio catalogo valutato in 300 canzoni per 600 milioni di dollari, un altro grande rocker, Neil Young, accetta di cedere il 50% dei diritti della sua musica (complessivi 1.180 brani) alla Hipgnosis di Merck Mercuriadis, una società di investimento in proprietà...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.