closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Negli angoli di un linguaggio che si interroga sul mondo

Poesia. L'ultima silloge di Massimo Triolo «Due ali di fiamma», pubblicato dalle edizioni Nulla die

Murales al Quadraro,

Murales al Quadraro, "Baby Hulk", foto di Fabrizio Sciami (licenza Creative commons)

Parlando di una sua precedente silloge, Occhio e assenza, era stato facile prevedere che presto Massimo Triolo ne avrebbe prodotte di nuove: perché lui è, all’evidenza, un poeta mosso da un’esigenza e da un’urgenza – di darsi, di dire. Di vivere l’esistenza raccontandola, traducendola in versi, in parola; per trasferire poi la parola stessa, per effetto di un fecondo circolo virtuoso, in nuova vita, in nuovo sentire. Triolo è, insomma, un autore che potremmo definire generoso, perché non nasconde ciò che vive: dal profondo lo porta alla superficie, lo esprime e condivide. Si avverte, in lui, una cifra di autenticità....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.