closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

‘Ndrangheta in Toscana, terremoto anche in Regione

Inchiesta Dda. Una indagine sulla cosca Gallace rivela una infiltrazione che spaziava dal traffico di droga al controllo di lavori stradali, fino allo smaltimento illecito dei rifiuti delle concerie del Comprensorio del cuoio. Arrestati i vertici dell'Associazione conciatori, fra gli indagati Ledo Gori, capo di gabinetto di Eugenio Giani. Circa 8.000 tonnellate di rifiuti contaminati usate per la nuova strada 429 dell'Empolese Valdelsa.

Blitz dei carabinieri nelle concerie

Blitz dei carabinieri nelle concerie

Da una indagine per narcotraffico internazionale, gestito dalla cosca di `ndrangheta di Guardavalle nel catanzarese riconducibile alla famiglia Gallace, e partita dopo il ritrovamento di ben 130 chili di cocaina nel 2017 vicino alla Terrazza Mascagni di Livorno, la Dda di Firenze e i carabinieri Forestali, del Ros e del Noe sono arrivati a scoprire tutta una serie di attività criminali dei referenti della cosca in Toscana. Una infiltrazione che spaziava dal traffico di droga al controllo di lavori stradali, fino allo smaltimento illecito dei rifiuti delle concerie del Comprensorio del cuoio. Oltre ai 23 arrestati, a far clamore anche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi