closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Nadim e Mohammed uccisi da proiettili veri

Palestina. Lo dicono i risultati dell'autopsia svolta in presenza di specialisti indipendenti. I due ragazzi palestinesi furono uccisi davanti al carcere di Ofer lo scorso 15 maggio durante le commemorazioni per la Nakba. Israele ha sempre sostenuto che i suoi soldati spararono solo proiettili rivestiti di gomma.

La famiglia di Nadim Nuwara non si è mai arresa. Sapeva sin dall’inizio che il ragazz ucciso lo scorso 15 maggio davanti alla prigione di Ofer durante le manifestazioni per la Nakba, era stato colpito da munizioni vere. Ora ha avuto la conferma. «Il frammento di un proiettile vero è stato ritrovato nel corpo del giovane martire», ha annunciato ieri il procuratore generale palestinese Abdel-Ghani al-Awewy riferendo dei risultati dell’autopsia svolta all’Istituto di medicina legale di Abu Dis (Gerusalemme), presenti specialisti americani, danesi e israeliani. «I medici hanno accertato che la morte (di Nadim Nuwara) è stata provocata da quel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi