closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

Myanmar, oggi si vota ma la strada per la democrazia è lunga

Myanmar. I monaci buddisti di «Ma Ba Tha» sono integralisti e negano la convivenza tra diverse religioni

Le strade birmane sono affollate di pavoni combattenti e dorati, ricamati sulle bandiere rosse del partito di opposizione al governo. Oggi si celebrano le prime elezioni presidenziali relativamente libere e imparziali in molti anni per il Myanmar. Il paese, che era conosciuto in precedenza come Birmania, è stato governato da una giunta militare per quasi cinquant’anni. Le precedenti elezioni del 2010 erano state boicottate dalla National League for Democracy (Nld), il partito guidato dal Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, la daw, «the Lady». All’epoca infatti l’icona della democrazia conosciuta da tutto il mondo era ancora agli arresti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.