closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Motta, maturità e autoanalisi itpop

Note sparse. Si intitola «Semplice» il terzo album dell’artista toscano, sempre più vicino alla forma canzone

Motta

Motta

C’era una volta l’indie, il non-genere per eccellenza. Un insieme comprendente elementi legati da proprietà più contrattuali che stilistiche: affiliazione a piccole etichette, autoproduzione, importanza del circuito live. L’idea di Km 0 applicata alla distribuzione musicale, perché l’artista possa crescere e svilupparsi senza la pressione del risultato commerciale immediato. Ma anche in quella particolare teoria degli insiemi si è giunti dapprima alle intersezioni e poi alle inclusioni nel grande contenitore del pop e delle major, per le quali l’attuale leva cantautoriale ex indie rappresenta la più credibile alternativa di consumo a trap e derivati. Roma è di nuovo centro di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi