closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mosca: «La parola “probabile” dell’indagine che diritto è»

Russia. Lugovoj, ex agente e oggi deputato: «Un affare interno britannico»

Il ministro degli Esteri russo Serhei Lavrov

Il ministro degli Esteri russo Serhei Lavrov

Non sono certo mancate negli ultimi mesi le interviste di Vladimir Putin, rilasciate ai media interni e internazionali, in cui ha detto che la Russia non è l’Urss, che l’Occidente sbaglia a trattare Mosca come fosse ancora la capitale dell’Unione Sovietica. Ancora giovedì scorso, con ogni probabilità a uso esterno, aveva incolpato nientemeno che Lenin - nel 92° anniversario della morte - di aver minato con le sue idee la struttura statuale russa. Invano. A Ovest le misure si prendono ancora con il metro della guerra fredda. E se l’«impero del male» (l’ex Unione sovietica per Ronald Reagan) era comunque...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.