closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Mosca espelle funzionario italiano. Lo staff di Navalnyj sospende le attività

A quasi un mese dall’espulsione dall’Italia di Aleksej Nemudrov e Dmitrij Ostroukhov, funzionari dell’ufficio dell’addetto militare russo a Roma dichiarati persona non grata il 31 marzo scorso a seguito del caso di spionaggio che ha coinvolto il capitano di fregata Walter Biot, arriva la risposta di Mosca. All’ambasciatore italiano Pasquale Terracciano, convocato ieri al ministero degli Esteri russo, è stata notificata l’espulsione di Curzio Pacifici, addetto aggiunto per la difesa presso la rappresentanza diplomatica italiana a Mosca: al funzionario sono state concesse 24 ore per lasciare il Paese. Provvedimento che è stato definito “infondato e ingiusto” dalla Farnesina, che in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi