closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Morti alla Lamina, «il forno era difettoso»

Vittime sul lavoro. Il grave incidente nello stabilimento milanese aveva ucciso in gennaio quattro operai. Secondo la perizia ordinata dai pm l'azienda avrebbe omesso le necessarie procedure di sicurezza

I fiori davanti allo stabilimento della Lamina di Milano

I fiori davanti allo stabilimento della Lamina di Milano

Erano morti in quattro, il 16 gennaio scorso, negli stabilimenti Lamina di Milano: a uccidere gli operai sarebbero state gravi lacune nella messa in sicurezza della fabbrica. A dirlo è la consulenza tecnica chiesta dalla procura. Il forno in cui i lavoratori sono morti soffocati sembra fosse difettoso, sempre secondo la perizia. In particolare, non erano perfettamente funzionanti la centralina e il condotto di erogazione del gas argon. In secondo luogo, c’erano falle nell’organizzazione e nei protocolli di soccorso. E i due operai intervenuti in soccorso dei colleghi che si trovavano già nel forno non erano consapevoli del rischio che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.