closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Monte Sant’Angelo, gioiello segreto del Gargano

Reportage. Patrimonio dell'Unesco, uno snodo di storia, fatto di partenze e conquiste

Veduta dall'alto del centro storico (foto Matteo Nuzziello)

Veduta dall'alto del centro storico (foto Matteo Nuzziello)

Leonardo Sciascia nel 1986, invitato sulle pendici del Gargano dal suo amico Antonio Motta di San Marco in Lamis, in visita a Monte S. Angelo definì la cittadina garganica «un paese irregolare». L’abitato, infatti, si estende lungo tutto il crinale della montagna collocata a 831 metri e nasce intorno alla grotta di San Michele, che l’Arcangelo, secondo la leggenda, scelse quale sede terrena per le quattro apparizioni risalenti al V secolo, quella del Toro nel 490, della Vittoria nel 492, della Dedicazione nel 493 e nel 1656 per fermare la peste che mieteva vittime. L’ importanza strategica del controllo politico-religioso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.