closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

«Montante puntava a piazzare i suoi fedelissimi anche in Parlamento»

L'arresto per corruzione dell'ex presidente di Confindustria Sicilia. L'imprenditore, che ieri è stato interrogato per diverse ore dai pm. Nelle intercettazioni è descritto come 'uomo pericolosissimo'

Aveva ambizioni irrefrenabili, Antonello Montante. Il suo scopo sarebbe stato quello di raggiungere i piani alti a Roma. Per arrivarci avrebbe usato tutte le armi in suo possesso per affrancarsi da un passato di presunti legami con ambienti mafiosi, pianificando nei dettagli la sua strategia fatta di una fitta rete di relazioni, che come snodo finale avrebbe dovuto avere lo sbarco di suoi uomini in Parlamento. Per lui era questo il suo approdo naturale, l'evoluzione di quel processo, avviato 11 anni prima con la «svolta» di Confindustria a Caltanissetta nella lotta al racket delle estorsioni che per i pm fu...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.