closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Momo, l’infanzia che scala la vita e i trampoli «sconfiggi-noia»

Albi. La bambina che deve crescerre in fretta, il sogno di viaggiare oltre gli alberi e i gatti di Rodari

Illustrazioni di Daniela Iride Murgia per «Avanti tutta!»

Illustrazioni di Daniela Iride Murgia per «Avanti tutta!»

In un porto della Normandia, c’è una casa abitata da una indomabile bambina di cinque anni e sua nonna. Il padre è via, lunghi periodi li passa in mare. Il graphic novel Momo di Jonathan Garnier e Rony Hotin (Tunué, pp. 176, euro 16,90) è un piccolo capolavoro che ricorda le atmosfere di Miyazaki. Il Giappone scorre nei paesaggi, nelle piogge, negli incontri stralunati fra adolescenti e nel tono del racconto se è vero - come narra Garnier - che la protagonista da cui è scaturito questo romanzo di formazione, pervaso da un’infanzia a ostacoli che deve fare i conti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi