closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mogherini e diplomazie occidentali, in fila dal golpista Sisi

Egitto. Dal ministro degli Esteri francese Laurent Fabius all’omologa italiana, al Cairo si cerca una improbabile trattativa

Si avvicendano le visite dei ministri degli Esteri dell’Ue al Cairo con l’aggravarsi della crisi a Gaza: dal ministro degli Esteri francese Laurent Fabius all’omologa italiana Federica Mogherini, candidata del Partito democratico per l’incarico di Alto rappresentante della politica Estera dell’Ue al posto dell’uscente baronessa Catherine Ashton. Non ci sono dubbi che il golpe egiziano del 2013 sia ormai un modello esportabile. Lo hanno capito bene le autorità israeliane che vorrebbero fare piazza pulita di Hamas così come ha fatto l’esercito egiziano dei Fratelli musulmani. Eppure il passaggio del modello «Stato contro terrorismo» in politica estera sta avendo conseguenze devastanti....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi