closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Miles Davis, l’immortale

Miti/Il 28 settembre 1991 se ne andava uno dei più grandi jazzisti di sempre, aveva 65 anni. Una stella che collassa senza patetica agonia, un’«uscita di scena» fulminea, come tanti finali dei suoi innumerevoli concerti

Miles Davis

Miles Davis

Quello che leggete qua sotto è stato scritto di getto il 30 settembre 1991 e inviato alla redazione de il manifesto ma non pubblicato. Accompagnavano il fax queste parole: «Se altri colleghi hanno già scritto, cestinatelo pure. Ho avuto il bisogno di scrivere per ‘razionalizzare’ il dolore. A presto». A distanza di trent’anni, il pezzo mette a fuoco alcuni elementi valutativi ormai consolidati, pur conservando la dolente emozione causata da una scomparsa traumatica per chiunque amasse il jazz. Un pugno nello stomaco che ti stende, duro, al tappeto. La morte di Miles Davis, che tanto amò la boxe, sabato scorso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.