closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Miles Davis e il quintetto perduto

Note sparse. Un saggio di Bob Gluck racconta i retroscena dietro una delle formazioni storiche del grande trombettista

Miles Davis

Miles Davis

A partire dall’estate del ’68, attraverso una serie di avvicendamenti, il quintetto di Miles Davis si riconfigura, e, sempre con Wayne Shorter come sax, nel marzo del ’69 è ormai completamente rinnovato nella ritmica, con Chick Corea al piano, Dave Holland al basso e Jack DeJohnette alla batteria: è il cosiddetto «quintetto perduto» di Miles Davis. Un anno dopo Shorter viene rimpiazzato da Steve Grossman, mentre la formazione si allarga con l’ingresso del percussionista Airto Moreira e poi con l’aggiunta di un secondo tastierista, Keith Jarrett: sestetto e settetto pure «perduti», perché così come il quintetto di cui erano un’espansione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi