closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Mi voleva Hitchcock. Nella sua cucina

L'inedito. Alida Valli racconta la sua esperienza hollywoodiana con il regista, cuoco horror

Alida Valli e Gregory Peck in «Il caso Paradine» di Alfred Hitchcock (1947)

Alida Valli e Gregory Peck in «Il caso Paradine» di Alfred Hitchcock (1947)

Alfred Hitchcock! Il mio primo regista in Usa, nel 1947, con The Paradine Case! Una delizia d’amico, un ‘pezzo unico’ di Hollywood. Mi aveva ordinato di chiamarlo, confidenzialmente, Hitch, la prima volta che mi ha invitato a casa sua per una cena con la moglie Alma e la figlia Patricia. E lui mi avrebbe chiamato, semplicemente, Valli. Un segno di amicizia reciproca e, insieme, un prezioso lasciapassare alla sua cucina, dove si sarebbe esibito nei suoi show di esclusiva e inquietante gastronomia. Inquietante, sì. Come ripensare alla sfida suprema tra un palato italiano e le sue ‘invenzioni’ culinarie, del tutto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.