closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Mi voleva Hitchcock. Nella sua cucina

L'inedito. Alida Valli racconta la sua esperienza hollywoodiana con il regista, cuoco horror

Alida Valli e Gregory Peck in «Il caso Paradine» di Alfred Hitchcock (1947)

Alida Valli e Gregory Peck in «Il caso Paradine» di Alfred Hitchcock (1947)

Alfred Hitchcock! Il mio primo regista in Usa, nel 1947, con The Paradine Case! Una delizia d’amico, un ‘pezzo unico’ di Hollywood. Mi aveva ordinato di chiamarlo, confidenzialmente, Hitch, la prima volta che mi ha invitato a casa sua per una cena con la moglie Alma e la figlia Patricia. E lui mi avrebbe chiamato, semplicemente, Valli. Un segno di amicizia reciproca e, insieme, un prezioso lasciapassare alla sua cucina, dove si sarebbe esibito nei suoi show di esclusiva e inquietante gastronomia. Inquietante, sì. Come ripensare alla sfida suprema tra un palato italiano e le sue ‘invenzioni’ culinarie, del tutto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi