closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Mes, si alla riforma senza chiedere i soldi. E i 5S si spaccano

Mes a fuoco. Via libera al nuovo trattato. Gualtieri spiega che non significa accettare il prestito. Crimi soddisfatto, ma in tanti lo sconfessano

A Bruxelles non hanno tirato nessun sospiro di sollievo. Il sì italiano alla riforma del Mes era sempre stato dato per certo, considerando solo come un gioco delle parti le esitazioni, i rinvii e la perentoria richiesta italiana di un voto «a pacchetto» che tenesse insieme Mes, rafforzamento dell’unione bancaria e garanzia sui depositi. Approvata da Ecofin, la riforma che permetterà al Mes di salvare anche le banche di importanza strategica sarà firmata il 27 gennaio. IL MINISTRO dell’Economia ha recitato la parte in commedia che gli spettava. In mattinata ha incontrato il parlamento, cioè le commissioni Finanze e Bilancio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi