closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Mentre a Roma si discute, Sagunto viene espugnata

Autonomia differenziata. La conclusione dell’iter legislativo sull’Autonomia differenziata, conclusione per la quale i presidenti di regione del Pd producono sforzi rilevanti, è una pietra duplice

Ministro della Giustizia, Bonafede e Bonaccini, presidente dell'Emilia Romagna

Ministro della Giustizia, Bonafede e Bonaccini, presidente dell'Emilia Romagna

In verità a Roma si cerca di non discutere di Sagunto; anzi il non discuterne è un momento funzionale per accelerarne la caduta. L’articolo 5 della costituzione è la nostra Sagunto, là dove si dice che «la Repubblica (è) una e indivisibile», e che, le pur ampie autonomie locali promosse dallo Stato riguardano la sfera del «decentramento amministrativo». Da questo punto di vista alcuni bastioni e pezzi delle mura che difendevano Sagunto sono già caduti da un pezzo. Ed il fatto che siano caduti soprattutto per mano degli eredi (?) di coloro che si erano battuti con maggiore determinazione per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi