closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mateen: «La moglie sapeva»

Oregon. Rischia il carcere la donna che viveva con il killer del Pulse. Secondo gli inquirenti avrebbe accompagnato Mateen nel locale gay. E intanto è bufera sull’efficienza dell’Fbi

Proseguono le indagini sull’attentato del Pulse, in questo clima di ricerca delle dinamiche anche l’Fbi è sotto osservazione: il killer di Orlando era stato sottoposto a due interrogatori per terrorismo, entrambi classificati come irrilevanti, poi un giorno ha comprato un’arma micidiale ed ha ucciso 49 persone in nome dello Stato Islamico. Ne risulta che buona parte di questa vicenda è un riflesso del sistema di vigilanza americana nell’era di «vedere qualcosa, dire qualcosa». Decine di migliaia di segnalazioni arrivano all’Fbi ogni anno, solo poche sono legittime, per lo più provengono da ex coniugi vendicativi o persone sospettate in quanto arabo-americane....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.