closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Massacro a est di Damasco, con l’accusa di armi chimiche

Siria. L’attacco sferrato a Ghouta durante la missione degli osservatori dell'Onu

Il massacro di Ghouta

Il massacro di Ghouta

C’è chi ieri parlava di 213 vittime, chi di oltre 600, chi di 1.300: l’attacco che ha colpito l’area di Ghouta, a Est di Damasco, si è risolto in un terribile massacro, le cui dimensioni non sembrano ancora definite. Ieri all’alba, secondo quando riportato da diversi gruppi di opposizione al regime di Bashar Al-Assad, le forze militari governative avrebbero attaccato Ghouta, a pochi chilometri dalla capitale, con missili contenenti agenti tossici. Un’accusa durissima, quella mossa dalle opposizioni, che giungeva mentre a Damasco sbarcava il team di ispettori delle Nazioni Unite, entrati nel Paese dopo lunghi negoziati proprio per verificare l’utilizzo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi