closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Marina Davydova, in Russia il teatro mette in scena il potere

Intervista. La defenestrazione di Serebrennikov,la censura, Navalny, parla la direttrice di «Theatre magazine». Per gli articoli sugli attori arrestati è ora nel mirino costante della polizia

Marina Davydova; nelle altre immagini, Alexey Agranovich, nuovo direttore del Gogol-Center; Daria Serenko, artista femminista minacciata dall'estrema destra

Marina Davydova; nelle altre immagini, Alexey Agranovich, nuovo direttore del Gogol-Center; Daria Serenko, artista femminista minacciata dall'estrema destra

Di questi tempi, in Russia, il teatro sembra diventare a sua volta il palcoscenico di un conflitto culturale e politico. Alcuni attori vengono arrestati per aver protestato in piazza. Kirill Serebrennikov, fondatore del popolare teatro d'arte contemporanea di Mosca Gogol-Center, viene accusato di malversazioni e messo alla porta, e un regista stimato come Kostantin Bogomolov pubblica un manifesto che strizza l'occhio all'estrema destra. Tutto questo mentre anonimi internauti e squadristi hanno campo libero nel reprimere ogni respiro di autonomia. Viene da chiedersi di che cosa il teatro moscovita sia diventato il teatro. Ne parliamo con Marina Davydova, direttrice della rivista...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.