closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Made in Italy al servizio della cybersecurity

Hacker's Dictionary . Si moltiplicano le aziende innovative italiane nel campo della sicurezza informatica, ma per beneficiarne in patria c’è bisogno anche dello Stato

Illustrazione

Illustrazione

Ettore Rosato, coordinatore di Italia Viva, ha dichiarato che la Fondazione sulla cybersecurity era uno sfizio di Conte, una cosa che serve poco all’Italia. I fatti sembrano smentirlo. Sia in una prospettiva di sicurezza tout court che di sovranità tecnologica, sia per far decollare le nostre startup di cybersecurity che altrimenti i capitali devono cercarseli all’estero, che per sostenere un circuito dell’innovazione virtuoso con ricadute su tutto il comparto tecnologico nazionale. È italiana ad esempio l’azienda ASC27 che ha sviluppato le telecamere intelligenti per prevenire gli assembramenti davanti ai bar e nelle piazze e combattere la diffusione dei contagi da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi