closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Lutto nazionale per la strage del liceo a Kabul

Afghanistan. La scelta dell’obiettivo (giovani donne) e il quartiere (Dasht-e-Barchi, con forte presenza sciita) fanno propendere per una lettura dell’attentato, non ancora rivendicato, di matrice jihadista e non talebana

Fiori sul luogo della strage a Kabul

Fiori sul luogo della strage a Kabul

E’ stato proclamato il lutto nazionale oggi in Afghanistan dopo che sabato pomeriggio l’ennesimo attentato stragista ha ucciso oltre 60 studenti, in maggioranza donne, in un liceo della capitale in un quartiere noto per la presenza di sciiti. I feriti sarebbero invece circa 150 e di molti corpi si cercano ancora i resti. La scelta dell’obiettivo (giovani donne) e il quartiere (Dasht-e-Barchi, con forte presenza sciita) fanno propendere per una lettura dell’attentato, non ancora rivendicato, di matrice jihadista e non talebana: non dunque la guerriglia che ha firmato l’accordo con gli Usa e che ora sta trattando col governo di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi