closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Lumina», la memoria del mondo negli oggetti

Intervista. Samuele Sestieri parla del suo nuovo film, una storia tra reale e fantastico, unico titolo italiano al festival di Rotterdam che si apre, in presenza e online, oggi

Una scena da Lumina

Una scena da Lumina

Della parola Lumina gli piaceva il suono e che vi riecheggiasse dentro il film: «Contiene in sé l'idea della luce, e il percorso della protagonista che porta la luce in un mondo in rovine» racconta al telefono Samuele Sestieri parlando del suo nuovo film, Lumina, unico titolo italiano al festival di Rotterdam, nella sezione Bright Future, che apre oggi la sessione estiva (la prima è stata lo scorso febbraio, 1-7) dell'edizione 2021 - fino al 6 giugno, in presenza per il pubblico olandese e online per quello internazionale. Neppure gli autori ci spiega Sestieri vi partecipano - anche se il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi