closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’ultrascore di Cristophe Chassol

Note sparse. Il giovane compositore e pianista ha studiato Stravinsky e i Sex Pistols, ma la sua grande passione è il cinema insieme al jazz di Miles Davis

Cristophe Chassol

Cristophe Chassol

«Non ci sono superstiti. Equipaggio e passeggeri andati». Quando il ministro venezuelano Jesse Chacon, commosso, spaventato, annunciò il disastro che coinvolse l’MD-80 diretto a Martinica da Caracas, Cristophe aveva 29 anni. E la sua vita non fu mai più come prima. Su quel bireattore infatti c’erano, tra gli altri, la signora Chassol e suo marito, sassofonista amatoriale e padre di Cristophe, pianista e compositore classe 1976, fautore dell’ultrascore, genere nel quale la reiterazione di filmati costituisce la base ritmica e melodica per le armonizzazioni del reale. Chassol, dopo essere passato dall’Italia in maggio, tornerà a luglio, nell’ambito della stagione artistica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi