closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

L’ultima partita di Carlos Marighella

Ritratti. Questa è la storia di un ragazzo brasiliano combattente, un eroe meticcio, erede della fierezza di un immigrato anarchico italiano e della madre guerriera africana. La sua vita si spezzò nel ’69, in un agguato organizzato dalla polizia politica, proprio il giorno in cui avrebbe assistito al trionfo del suo Corinthians

Sono diventate famose le immagini del ragazzo brasiliano che balla davanti ai poliziotti, durante gli scontri della cosiddetta «revolta do vinagre» (la rivolta dell’aceto, che allevia i gas lacrimogeni), scoppiata nel 2013 per ottenere migliori condizioni di vita. Il nemico, armato e furibondo, sparò e per poco il ragazzo non ci rimase secco. Non si sa perché danzasse quel ragazzo. Non è sempre facile capire il comportamento del popolo brasiliano, che ride e gioca anche quando ha paura. E ogni tanto ci sorprende con attitudini ancora più strane. In questi giorni che precedono l’attesissimo Mondiale di calcio, per esempio, la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi