closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Loujain lascia il carcere ma la strada per la libertà è lunga

Arabia saudita. L'attivista dei diritti delle donne, in carcere dal 2018, dovrebbe essere rilasciata oggi secondo la sorella. Ma vivrà in libertà vigilata. Gli Usa chiedono il rispetto dei diritti umani a Riyadh ma le pressioni non dureranno a lungo

Non è facile valutare quanto il rilascio dell’attivista saudita dei diritti delle donne Loujain al Hathloul, atteso per domani, in anticipo di qualche settimana sui tempi annunciati, dopo 1.002 giorni di carcere duro, sia legato a pressioni statunitensi. «Gli Usa si aspettano che l'Arabia saudita rilasci i prigionieri politici e migliori la situazione sui diritti umani», aveva detto qualche giorno fa la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki. Fatto sta che la sorella dell’attivista, Alia al Hathloul, ha scritto in alcuni tweet in arabo che la scarcerazione è imminente ma che Loujain sarà in libertà vigilata e non potrà viaggiare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi