closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Onu lascia appesi i generali birmani e il governo talebano

Punizione diplomatica. Rinviata a data da destinarsi la decisione sui rappresentanti legittimi di Myanmar e Afghanistan al Palazzo di Vetro. Intanto un rapporto di Human Rights Watch accusa i golpisti di Naypyidaw per il massacro di marzo dei sostenitori di Aung San Suu Kyi

Un manifestante ferito nella brutale repressione del 14 marzo 2021 di chi protestava contro il golpe

Un manifestante ferito nella brutale repressione del 14 marzo 2021 di chi protestava contro il golpe

È una storia di stragi quella che costella la presa del potere dei generali birmani che da dieci mesi tengono il Myanmar sotto il tallone dell’ennesima giunta. L'uccisione pianificata e premeditata di almeno 65 manifestanti il 14 marzo scorso nell’ex capitale è solo l’ultima in ordine di tempo, come denuncia un rapporto pubblicato da Human Rights Watch che accusa le forze di sicurezza birmane di aver deliberatamente ucciso chi protestava (allora pacificamente) chiedendo il ripristino del governo democraticamente eletto di Aung San Suu Kyi. NEL DOSSIER Myanmar: Protesters Targeted in March Massacre Hrw racconta come le forze di sicurezza birmane...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.