closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Lombardo: declassato il concorso mafioso

L'ex governatore. Nuova sentenza a Catania: non ci fu concorso esterno in associazione mafiosa ma voto di scambio. Condannato a due anni di reclusione

L'ex presidente della Sicilia Raffaele Lombardo

L'ex presidente della Sicilia Raffaele Lombardo

Non ci fu concorso esterno in associazione mafiosa, ma voto di scambio. Con questo verdetto, e la condanna a due anni di reclusione, la terza sezione della Corte d’appello di Catania ha prosciolto dall’accusa più grave l’ex governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo, fondatore del movimento per l’autonomia (Mpa) e grande protagonista politico dopo la caduta di Totò Cuffaro. La sentenza, emessa dopo quattro ore di camera di consiglio, ‘declassa’ la decisione del gup, Marina Rizzo, che in primo grado aveva condannato Lombardo a sei anni e otto mesi, imputandogli anche il concorso esterno. Il sostituto procuratore generale Sabrina Gambino e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi