closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’offerta del barile invariata per sei mesi

Vienna. Il Vertice Opec solidale con l'Ecuador contro la Chevron

Ecuador, le mani sporche della Chevron

Ecuador, le mani sporche della Chevron

I 12 ministri riuniti nella 167ma conferenza dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec), a Vienna, hanno deciso di mantenere l’offerta di 30 milioni di barili al giorno fino al prossimo 4 dicembre. Cifra invariata rispetto al vertice del novembre scorso, quando alcuni paesi come il Venezuela - che custodisce le maggiori riserve al mondo - avevano chiesto di ridurre la produzione generale di petrolio per contenere «l’involontaria guerra dei prezzi tra paesi produttori». L’Arabia Saudita, primo produttore dell’Opec e primo esportatore al mondo, aveva però deciso altrimenti. Asdrubal Chavez, ministro del Petrolio venezuelano, è tornato a indicare come una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.