closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

L’odiosa licenza concessa dal governo Renzi per bombardare scuole e ospedali

Business di morte. Una data spartiacque che segna l'impennata dell'export verso il Golfo è il 2009, quando viene ratificato un accordo di cooperazione militare tra Italia e Arabia saudita

Quella da 411 milioni di euro per 19.675 bombe aeree tipo Mk 80 prodotte dalla Rwm Italia per l’Arabia saudita è certamente la maggiore autorizzazione per forniture di bombe mai rilasciata dall’Italia dal dopoguerra. Ed è particolarmente odiosa perché la licenza è stata concessa dal governo Renzi (Gentiloni agli Esteri e Pinotti alla Difesa) nel 2016, quando le Nazioni unite già da mesi avevano condannato i bombardamenti indiscriminati della Royal Saudi Air Force sui centri abitati, ospedali e scuole incluse, in Yemen. Azioni militari che «possono costituire crimini di guerra» commentava un rapporto del Gruppo di esperti dell’Onu consegnato al...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi