closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Lo stupefacente Byron Moreno e l’arbitropoli cinese

Palla al piede. La strana carriera del fischietto coreano, finito in galera non per corruzione ma per traffico internazionale di droga

Byron Moreno

Byron Moreno

Accade sempre più spesso che nelle carceri per minori o in quelle per adulti siano organizzati corsi per diventare arbitri. Chi li promuove è animato dalla considerazione pedagogica secondo cui arbitrare aiuterebbe ad avere un diverso e più responsabile approccio al conflitto, alle regole e alla legalità. Ogni storia di mazzette e truffa depotenzia questo messaggio. L’arbitro equadoregno Byron Moreno non è finito in prigione per corruzione. Lui che fece andare su tutte le furie mister Trapattoni, che concesse un rigore inesistente ai sud-coreani seppur fortunatamente parato da Buffon allora al suo primo mondiale, che mandò anticipatamente negli spogliatoi Francesco...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.