closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Lo spartiacque esistenziale di una perdita

Narrativa italiana. Il romanzo d’esordio di Alessandra Gambetti «La vita che conoscevo», per Atlantide edizioni

Alessandra Gambetti

Alessandra Gambetti

«Vorrei poterti dire che né la pura terra né l’inferno esistono al di fuori di noi. Entrambi si trovano soltanto nel nostro cuore». La ricerca spirituale è una delle direzioni del romanzo d’esordio di Alessandra Gambetti La vita che conoscevo (Atlantide, pp. 182, euro 20). E il racconto dell’incontro con la filosofia buddista s’insinua nei diversi tentativi di ricerca della verità di Francesca, la protagonista, prima e dopo la morte di Fabio. IL ROMANZO È DIVISO in due parti; la prima, «Il tempo è un gatto», narra la storia di Francesca fin dalla sua nascita, poi l’infanzia a Firenze, l’adolescenza,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi