closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Lo spartiacque esistenziale di una perdita

Narrativa italiana. Il romanzo d’esordio di Alessandra Gambetti «La vita che conoscevo», per Atlantide edizioni

Alessandra Gambetti

Alessandra Gambetti

«Vorrei poterti dire che né la pura terra né l’inferno esistono al di fuori di noi. Entrambi si trovano soltanto nel nostro cuore». La ricerca spirituale è una delle direzioni del romanzo d’esordio di Alessandra Gambetti La vita che conoscevo (Atlantide, pp. 182, euro 20). E il racconto dell’incontro con la filosofia buddista s’insinua nei diversi tentativi di ricerca della verità di Francesca, la protagonista, prima e dopo la morte di Fabio. IL ROMANZO È DIVISO in due parti; la prima, «Il tempo è un gatto», narra la storia di Francesca fin dalla sua nascita, poi l’infanzia a Firenze, l’adolescenza,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.