closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Lo sguardo inquieto di Ivo Saglietti

Intervista. Incontro con il fotografo in occasione dell'uscita del suo libro. «Cominciai un progetto sul Cile di Pinochet , il colpo di stato aveva aperto ferite profonde»

Il dolore delle donne sulle bare dei figli

Il dolore delle donne sulle bare dei figli

Il tatuaggio, in parte nascosto dall’orologio, fa capolino sul polso sinistro. Ivo Saglietti (Tolone, Francia 1948, vive a Genova) si accende una sigaretta nello studio di Nazario Dal Poz, a Roma, sotto lo sguardo di Pier Paolo Pasolini ritratto da Dino Pedriali, circondato dagli scatti di Mario Dondero, Gianni Berengo Gardin, Fausto Giaccone ed altri grandi fotografi italiani, tutti in bianco e nero. Una conoscenza - diventata profonda amicizia - che risale agli anni ’80, quella tra il fotoreporter e Dal Poz, autore di Haiku per Ivo nel libro Lo sguardo inquieto. Un fotografo in cammino, curato da Federico Montaldo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.