closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Lo sguardo del cane

Cinema. In sala da oggi il nuovo film di Jean-Luc Godard, Adieu au langage, una riflessione sul linguaggio e sull’ideologia che lo determina, in cui la dimensione di un quotidiano ripetitivo capovolge l’ideologia razzista che confonde l’umanità col destino biologico cercando un possibile nuovo inizio

Andiamo a vedere il nuovo film di Godard. Un giorno, quest'espressione non avrà più senso ed è un privilegio d'anagrafe quello di vivere ancora in un epoca in cui la si può ancora pronunciare. Ci andiamo con occhiali nuovi, occhiali per entrare nella sua 3D (anche se molte sale probabilmente lo proietteranno in 2D). Non è la prima volta che lo facciamo. La 3D è diventata ormai un’abitudine legata al cinema di hollywoodiano. Alcuni registi del cinema d'autore se ne sono appropriati, Werner Herzog e Wim Wender, con (rispettivamente) grandi e pessimi risultati. Ma che cosa vuol dire, per Godard,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.