closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Lo scontro tra Riyadh e Doha si allarga a Gaza

Medio oriente. Qatar e Arabia saudita si ostacolano con politiche a favore dei rispettivi alleati, Hamas e il presidente Abu Mazen. Ma su Gaza pesano sempre i disegni del premier israeliano Netanyahu

La fragile tregua tra Israele e Hamas, causa della fine del governo Netanyahu, non ha tenuto i palestinesi di Gaza lontano dalle barriere di demarcazione con lo Stato ebraico. Anche ieri, 34esimo venerdì della Marcia del Ritorno, migliaia di manifestanti hanno affollato i campi di tende nella fascia orientale di Gaza e almeno 40 di loro sono stati feriti o intossicati dai proiettili e dai gas lacrimogeni sparati dai soldati israeliani. La partita tra Israele e Hamas non è certo finita e la campagna per il voto anticipato, con i leader politici israeliani che agiteranno il pugno di ferro pur...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi