closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’isola dell’ecologia

Scaffale. Nel suo «Diario di un socialcomunista siciliano», Nicola Cipolla racconta decenni di lotte da leader del Pci e da ambientalista

Leggere il Diario di un socialcomunista siciliano è come fare rafting tra le onde della storia che inizia con l’avvento del fascismo e finisce oggi. Anzi, non finisce perché questo libro-documento-saggio-testimonianza (Editori Riuniti, pp. 496, euro 17) va oltre il presente e indica le strade per un futuro sostenibile per l’umanità. A partire da quella speciale umanità che si trova nella più grande isola del Mediterraneo in cui vive Nicola Cipolla da quasi un secolo. La Sicilia, per l’appunto, come laboratorio politico italiano, ma anche come fucina di progetti e visioni di una rivoluzione possibile. È in Sicilia, infatti, che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi