closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

L’intoccabile Bonafede e la giustizia fuori dal “Plan”

Trattative sul Recovery. L'Europa chiede di accelerare i tempi dei processi. Sul capitolo due miliardi al buio: programmi da precisare vista la distanza politica. Renziani all'attacco, torna il nodo della prescrizione

Il ministro della giustizia Alfonso Bonafede

Il ministro della giustizia Alfonso Bonafede

Dopo Conte, c’è soprattutto un ministro che Renzi butterebbe giù volentieri ed è Bonafede. Tanto volentieri, che se dovesse riuscirci allora anche quel rimpasto che il leader di Italia viva continua a considerare un esito troppo limitato per la crisi che ha scatenato, riuscirebbe a presentarlo come una sua chiara vittoria. Ma Bonafede è inattaccabile, ogni volta che nei colloqui politici i rappresentanti di Iv sollevano il suo caso il discorso si interrompe. Lo sanno tutti che il presidente del Consiglio non può sacrificarlo. Non è stato Conte a introdurre Bonafede al governo, è più vero il contrario. Per estrema...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi