closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

L’«indispensabile chiarimento» che andò male a Prodi nel ’98

Crisi. Il professore fa gli auguri a Conte. Come allora ci sarà un voto di fiducia alla camera sulle comunicazione di presidente del Consiglio. Questa volta il capo del governo avrà qualche giorno in più per aspettare la formazione di un gruppo di responsabili. Il ruolo, che ritorna, della sinistra Dc

Romano Prodi

Romano Prodi

L’«indispensabile chiarimento politico» che Conte promuoverà (alla camera prima e al senato poi) da lunedì prossimo, somiglia molto al «netto chiarimento» che promosse Romano Prodi nell’ottobre del 1998. Finì che perse il governo. Il comunicato del Quirinale che ieri ha dato conto del colloquio del presidente della Repubblica con il presidente del Consiglio somiglia molto a quello che, in circostanze analoghe, nel 1998 informò sull’esito dell’incontro tra Oscar Luigi Scalfaro e Prodi. È così per la liturgia delle prassi, ma anche perché le similitudini tra quella storia e quella di oggi ci sono tutte. Non porta fortuna a Conte la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi