closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’imputata e il craxiano alla corte di Beppe e Travaglio

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Fino a qualche settimana fa nessuno ci avrebbe creduto: il governo voluto e sostenuto da quasi tre anni da Beppe Grillo e Marco Travaglio è stato salvato da Riccardo Nencini, «ultimo dei craxiani» per sua stessa definizione, e da Maria Rosaria Rossi, che non è una senatrice qualunque di Forza Italia, un’anima liberale errante in cerca di casa, ma è stata per anni l’ombra di Silvio Berlusconi nella fase del tardo impero, tesoriera del partito, factotum ad Arcore e Palazzo Grazioli, presenza costante e «annoiata» alle cene eleganti, ancora a processo nel Ruby ter a Milano con l’accusa di falsa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi