closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’«imposta sulla fortuna» modificata da Macron

L’Isf (Impôt sur la fortune), cioè la patrimoniale, è il totem (e tabù) francese. Ad ogni manifestazione sociale viene reiterata la richiesta di rimettere l’Isf, per far fronte alla crisi. Lo ripetono molti economisti, come la premio Nobel Esther Duflo e Thomas Piketty. Emmanuel Macron, definito «il presidente dei ricchi», in realtà non ha abolito completamente l’Isf, ma l’ha limitata al solo patrimonio immobiliare, togliendo il capitale, «per tassare la rendita invece che il rischio», trasformandola in Ifi (Imposta sul patrimonio immobiliare), che applica aliquote progressive (dallo 0,5% all’1,5%) a partire da un patrimonio di 1.300.000 euro. Nell’Unione europea, la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.