closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’immoralità devastante degli sprechi sanitari

Salute. Il malgoverno delle regioni si salda con gli appetiti della sanità privata in una enorme mangiatoia dove i cittadini ci rimettono due volte: per i tagli ai servizi e per i rincari dei costi. Cosa vuole fare la ministra Lorenzin per proteggere la salute pubblica dalla corruzione e dalla speculazione?

Che tristezza queste regioni. La legge di stabilità, ignorando poteri sanciti e patti sottoscritti, ha dichiarato guerra agli sprechi umiliandole con altre restrizioni finanziarie. Con le voci stentoree di chi balbetta giustificazioni poco convincenti, con il cappello in mano, sono andate da Renzi a elemosinare un po’ di pietà. Come dimenticare in questi anni la loro indignazione quando si tentava di ammansirne la dispendiosità, le loro rimostranze perché si ritenevano lese nelle loro potestà giuridiche anche mentre gli si chiedeva di rubare di meno, di fare meglio, di rispettare i diritti. Ma la crisi ha giocato contro di loro e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.