closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Michel Foucault, l’immanenza della libertà

Michel Foucault. A trenta anni dalla scomparsa, l’opera del filosofo francese costituisce ancora un laboratorio teorico da esplorare. In Italia pubblicate da Feltrinelli le lezioni al Collège de France su «Il governo dei viventi»

"Syzygy 3", opera di Jitish Kallat

Nel trentennale dalla scomparsa di Michel Foucault, la traduzione in italiano del corso al Collège de France Del governo dei viventi (Feltrinelli, pp 384, euro 35, a cura di Pieraldo Rovatti e Deborah Borca) è l’occasione per raccontare gli ultimi cinque anni di ricerca del filosofo francese. Dal 1980 al 1984 Foucault rivoluziona ancora una volta il suo pensiero. Questa svolta è stata considerata come un riflusso del critico del potere verso tematiche narcisistiche. Il passaggio dall’analisi del sistema carcerario di Sorvegliare e punire alla genealogia delle pratiche di sé nell’antica Grecia o negli stoici di epoca romana a molti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi