closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Iihl cade dalle nuvole: «Mai fatto corsi ai militari birmani»

Myanmar. Ma singoli ufficiali potrebbero aver frequentato altre classi dell’istituto sanremese

Mentre in Myanmar continua la repressione e si accumulano accuse false ad Aung San Suu Kyi, in Italia, come già sulla vicenda delle cartucce Cheddite, aleggia il mistero anche sulle attività dell’International Institute of Humanitarian Law (Iihl) di Sanremo, che per ora smentisce qualsiasi legame col Myanmar. Vicende del tutto secondarie rispetto a ciò che accade nel Paese ma inquietanti perché infilate in quel cono d’ombra che, in un modo o nell’altro, sembra aver favorito la parte più oscura del Paese e cioè i rapporti sia economici sia di relazione di un apparato militare «deviato». Un apparato che gli Usa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi